Category Archives: scommesse online

Unibet bonus di benvenuto

Quando Chris Froome, fresco di vincere il suo terzo Tour de France, si schiera al fianco di Geraint Thomas, Adam Yates, Ian Stannard e Steve Cummings in una gara di ciclismo che finirà in uno spettacolare scenario lungo Copacabana che sabato incarnerà proprio fino a che punto il Team GB è arrivato dopo l’umiliazione di Atlanta nel 1996.

Quando si tratta di metalli preziosi e momenti d’oro, la Gran Bretagna ora si aspetta piuttosto che speranze. Dove una volta una manciata di ori ha saziato la nostra fame, siamo diventati una nazione di ghiottoni.

“Con Froomey, quello che ha fatto, tutti parleranno di noi e ci Unibet aspettiamo molto. Non vediamo l’ora di correre.Dobbiamo solo essere aggressivi, essere in prima fila “, ha detto Thomas questa settimana alla British School di Rio, ingaggiata dall’associazione olimpica britannica per dare ai suoi atleti e personale di supporto da qualche parte l’allena- mento dal Villaggio Olimpico. “Abbiamo i piloti ma Froomey sta giocando le carte. Avere quei numeri è la chiave. Speriamo che riesca a dare il meglio di noi. ”

L’attenzione al dettaglio che è stata la caratteristica principale di una marcia sul medagliere che ha raggiunto il suo apice a Londra – quando gli atleti britannici hanno raggiunto livelli che non avevano scalato per più di un secolo – era ancora in mostra Unibet quando il primo gruppo della 366-forte squadra arrivò qui nel Villaggio Olimpico per trovare gli stuccatori e gli idraulici del Team GB che aggiornavano i loro scavi.

C’è molto mumbo jumbo scritto e parlato della cultura dei guadagni marginali.Eppure è innegabile che una spietata attenzione all’eccellenza e la costruzione di un sistema ad alte prestazioni replicato su più sport che può rendere il talento principale meno dipendente da sprazzi di genio individuale, sono stati la chiave per la tranquilla sicurezza mostrata da coloro che sono coinvolti dal momento in cui hanno toccato giù in Brasile. Facebook Twitter Pinterest Team Le prestazioni olimpiche di GB dal 1996.Grafico: Guardian

Il viaggio è iniziato sulla scia dell’umiliazione ad Atlanta nel 1996, quando la Gran Bretagna si è piazzata al 36 ° posto nel medagliere, al di sotto di Algeria e Kazakistan, e ha spinto l’allora Primo Ministro John Major a sviare I fondi della lotteria per lo sport d’élite.

Una seconda svolta chiave è arrivata nel 2005, quando l’allora direttore delle prestazioni dello UK Sports Peter Keen e l’esuberante presidente Baronessa Sue Campbell andarono a vedere il cancelliere, Gordon Brown, nel la scia di Londra ha vinto il diritto di ospitare le Olimpiadi. Gli mostrarono un pezzo di carta che delineava il numero di medaglie che il Team GB avrebbe potuto vincere a Londra e quanto sarebbe costato sostenere il viaggio per arrivarci.Brown ha acconsentito ad un enorme aumento dei finanziamenti e sette anni dopo, il Team GB ha consegnato esattamente il numero di medaglie nella presentazione sostenuta da Keen e Campbell: 65 anni.

Nel postluminescenza di Londra, UK Sport – il finanziamento L’agenzia che ha versato 350 milioni di sterline per il finanziamento di lotteria ed erario negli sport olimpici e paraolimpici negli ultimi quattro anni – ha alzato la barra in modo pazzesco, promettendo di Unibet diventare il primo ospite a migliorare il proprio bottino ai Giochi successivi.

< p> Quel mantra “più medaglie in più sport” è stato successivamente declassato al bersaglio più gestibile di battere le 47 medaglie vinte a Pechino per realizzare i migliori Giochi del Regno Unito.

Presi insieme, gli sport olimpici finanziati, che ha beneficiato di un investimento di 274,5 milioni di sterline per quattro anni in un periodo di tagli ai finanziamenti del settore pubblico, sono stati fissati un intervallo obiettivo compreso tra 47 e 79.

Tra i boffins con le loro medaglie virtuali, Gracenote ha ha Unibet previsto che il Team GB raggiungerà il terzo posto con un bottino di 56.All’università di Wolverhampton, le formule matematiche del professor Alan Nevill hanno predetto che cadranno a meno del loro obiettivo a 46 anni.

In entrambi i casi, la responsabilità riposa pesantemente sui soliti sospetti, quegli “sport da seduti” tecnici di il canottaggio, la vela e il ciclismo in cui la Gran Bretagna è arrivata a guidare il mondo anche quando i rivali schioccano le orme in una corsa agli armamenti ben finanziata.

Eppure c’è anche fervida speranza e aspettativa che nuovi eroi emergeranno a unisciti a quelli che si sono scritti nei libri di storia a Londra.Adam Peaty in piscina è una buona scommessa per essere uno, mentre ci sono grandi speranze per una squadra di ginnastica che prevede di consegnare tra tre e cinque medaglie.

Max Whitlock, una stella di uno sport che ha fiorito grazie in Unibet le mobile scommesse parte a ingenti investimenti, dice che il successo porta nuove pressioni – ma che sono ben accetti.

“Ciò che mi tranquillizza è che ho gareggiato nella più grande arena, con la maggior quantità di persone che supportano GB a Londra 2012 “, ha detto. “Posso guardare indietro a ciò, posso guardare indietro ai campionati del mondo e andare avanti da lì. Ho fatto il più grande del più grande e il prossimo passo è ovviamente Rio. “Facebook Twitter Pinterest ‘Ho fatto il più grande del più grande e il prossimo passo è Rio’, dice Max Whitlock, che ha vinto medaglie di bronzo individuali e di squadra a Londra 2012.Foto: Alex Livesey / Getty Images

Le ginnaste, i rematori e i ciclisti britannici dovranno generare lo slancio che può essere portato nella seconda settimana, quando i loro atletici prenderanno il testimone (inserisci il tuo proprio scherzo relazionato alla squadra britannica qui) e mirare a un obiettivo accettabile di sette o nove medaglie.

Eppure pedalare, lodato così tanto per la sua parte nella rivoluzione olimpica britannica e per essere uno dei pochi lo sport per sposare con successo il successo dell’élite con aumenti di partecipazione, rappresenta anche l’inaffidabile perdita di innocenza dagli inebrianti Unibet scommesse online giorni della sorpresa di Pechino e quella corsa di zucchero di infinite medaglie a Londra.

Mired in controversia dopo la partenza di il regista Shane Sutton e l’inizio di una revisione indipendente sulla sua cultura e le pratiche che riferiranno dopo i Giochi, la polemica di questa settimana che ha coinvolto i test mancati di Lizzie Armitstead ha contribuito al malessere generale attorno allo sport .

Come Sir Bradley Wiggins, uno degli eroi che definiscono il 2012, punta la medaglia a vederlo ridefinire Sir Chris Hoy come l’olimpionico più decorato della Gran Bretagna che può sentire come un bambino poster per i guadagni marginali, la rivoluzione ad alte prestazioni sta finalmente subendo la pressione.

Liz Nicholl, l’amministratore delegato dello sport britannico, non insiste. “Hanno gestito la situazione.C’è una revisione in corso che non sarà completata fino a dopo i Giochi “, ha detto. “Hanno agito rapidamente per mettere in atto gli accordi di gestione. Gli atleti vogliono solo concentrarsi sulla competizione. ”

Poi c’è l’ennui che incombe sui Giochi in generale a causa della crisi russa del doping e della sua risoluzione straziante da parte del Comitato Olimpico Internazionale, accuse di corruzione nel pugilato, preoccupazioni di doping più ampie sulla pista e nella piscina e così via.

Non ci può essere ritorno alla meraviglia innocente dagli occhi spalancati.Tornato a casa, sulla scia della Brexit, il paese rimane amaramente diviso – tutto sembra lontano Unibet dalla bonarietà e dalla calda inclusività di Londra 2012.

Tuttavia, i capi e i politici dello sport britannico, che hanno già garantito finanziamenti a un livello simile per il ciclo di Tokyo, sono fermamente convinti che il successo della medaglia britannica a Rio possa aiutare a rimarginare quelle ferite e legare insieme la nazione. “Per avere successo nello sport d’élite ci vuole un grande impegno, una grande spinta e concentrazione. Quel senso di realizzazione è qualcosa che possiamo festeggiare “, ha detto Nicholl.

Parlando a Rio, il ministro dello sport, Tracey Crouch, ha insistito che l’investimento è stato ancora più proficuo:” La cosa bella dello sport è che per la maggior parte del tempo prevale completamente sulla politica. Una volta avviati i giochi, le persone si metteranno dietro la loro squadra.Tutte le chat politiche sulla Brexit spariranno e la gente si concentrerà solo su questo sport. ”

Una delle grandi eredità sconosciute di Pechino e Londra è che sembra aver ampiamente risolto la questione se i soldi pubblici – sempre più attirati dalla lotteria piuttosto che dalla tesoreria – dovrebbero essere usati per alimentare la spinta verso il successo sportivo d’élite.

Ma ci sono altre domande che pendono dall’incessante ricerca di più medaglie. Dove si ferma? Ogni medaglia è in qualche modo meno preziosa più si vince?A che punto gli investimenti pubblici nello sport d’élite soddisfano la legge dei rendimenti decrescenti?

Nel suo recente libro Success and Failure of Countries ai Giochi Olimpici, Danyel Reiche indica uno studio che suggerisce “una volta che i Unibet governi identificano l’élite il successo dello sport come obiettivo politico sono bloccati su un percorso dal quale è sempre più difficile deviare “.

Alla vigilia di un Games che offrirà nuovamente momenti d’oro per il Team GB, Nicholl non ha dubbi che il mantenimento dello status quo è qualcosa da celebrare quando il bar è impostato così in alto negli sport in cui abbiamo eccelso. Nel frattempo, la speranza è che altri come la scherma e il rugby a sette possano unirsi alla festa.

“Vincere più medaglie è una cosa, ma essere leader a livello mondiale nel proprio sport è un risultato enorme.Il resto del mondo sta investendo e diventando più sofisticato. La maggior parte degli sport cerca di mantenere il proprio potenziale di medaglia. Saremo lì o giù di lì “, ha detto.

Di nuovo alla British School, Froome – che andrà anche per l’oro nella cronometro della prossima settimana – riflette sul perseguimento dell’oro olimpico e sul perché rimane, nonostante tutto, l’obiettivo finale. “Per noi, il Tour è davvero l’apice del nostro calendario ogni anno, ma le Olimpiadi sono diverse e più grandi in un modo diverso. Sono tutti gli sport, è il mondo intero a guardare. È speciale È un onore essere un olimpionico. “